Logo
Stampa questa pagina

LATEMAR MOUNTAIN RACE

LATEMAR MOUNTAIN RACE
Vota questo articolo
(0 Voti)

Pronostici rispettati alla quarta Latemar Mountain Race, ultimo atto del circuito La Sportiva Mountain Running Cup, visto che a trionfare sul traguardo di Pampeago, dopo aver affrontato 25 km e un dislivello positivo di 1.680 metri, sono stati il ruandese, che vive a Siena, Jean Baptiste Simukeka e la trentina di Vigolo Vattaro Giulia Marchesoni.
Una quarta edizione spettacolare, anche grazie ad un meteo particolamente favorevole, con 250 atleti iscritti complessivamente alle due gare proposte dall’Unione sportiva Cornacci di Tesero. Soprattutto una sfida maschile decisamente combattuta, come mai nella storia di questo evento, chiusa con la gioia della prima vittoria di un atleta africano.
Dopo lo start ai 1.750 metri di quota di Pampeago si sono messi subito a fare l’andatura in quattro, i favoriti della vigilia che si sono marcati a vista, ovvero il premanese Mattia Gianola, i due fiemmesi Stefano Gardener e Daniele Felicetti e il ruandese Jean Baptiste Simukeka. Il quartetto è transitato unito alla Croce Cornon (2.180 metri), così come nel falsopiano in località Bassa. Compatti fino a tre quarti della salita, nell’ascesa in cresta Gianola ha provato ad allungare passando per primo ai 2.350 del Monte Agnello, con qualche secondo su Simukeka e una decina di secondi su Gardener e Felicetti. In discesa verso Passo Feudo il copione non cambia, mentre nell’ascesa in ambiente dolomitico verso il rifugio Torre di Pisa (2.671 metri) il predazzano ha perso contatto e nel punto più alto della gara il primo a transitare è stato Gianola, dopo 1 ora e 40 di gara, precedendo di 4 secondi Simukeka, quindi di 13 secondi Gardener, mentre Felicetti ha accusato un gap 2’43”. Il gradino più alto del podio si è dunque deciso nella discesa verso Pampeago, attraverso il labirinto del Latemar, la Forcella dei Camosci e nei pressi della stazione a valle della seggiovia Oberholz. Ma soprattutto nel tratto pianeggiante, dove il ruandese tesserato per il Gs Orecchiella Garfagnana è riuscito a far girare le gambe più velocemente rispetto a Gianola, staccandolo e andando a vincere con il tempo di 2 ore 20 minuti 13 secondi, migliorando il suo personale a questa gara di un minuto rispetto al 2020, quando giunse secondo dietro al recordman Daniel Antonioli. A soli 10 secondi è poi giunto Mattia Gianola del team Valtellina: il teserano della Cornacci ha concluso a 4’23”. Seguono in quarta posizione Daniele Felicetti a 6’18”, quindi il trentino di Vigolo Vattaro Andrea Debiasi, il premanese Luigi Pomoni, il gardenese Georg Piazza, il trevigiano Luigi Pomoni e il trentino Enrico Cozzini.
La gara femminile ha visto sempre in testa Giulia Marchesoni. La sondrina Denise Scherini le è rimasta agganciata fino al Monte Cornon, ma da quel punto in poi i distacchi sono via via aumentati. Al transito al rifugio Torre di Pisa il gap fra le prime due era di 1’7”, quindi a 4’9” la leader provvisoria del circuito Elisa Pallini. Posizioni che sono rimaste identiche fino al traguardo, dove la Marchesoni, tesserata con la stessa società di Simukeka, è giunta dopo 2 ore 58 minuti 4 secondi di gara. Argento, a 3’40” per la Scherini, che si è così laureata neo campionessa del circuito La Sportiva Mountain Running Cup, quindi ad oltre 9 minuti ecco la brianzola di Desio Elisa Pallini, quarta Anna Lena Hofer, davanti ad Elena Sassudelli e Monica Vagni.
Per quanto riguarda le vittorie di categoria Giulia Marchesoni ha vinto la categoria senior, Laura Bello la over 50, Jean Baptiste Simukeka la senior maschile, Stephan Tassani Prell nella over 50, Fabio Varesco nella over 60, Vannileo Michielazzo nella over 70.
Gran chiusura nel pomeriggio con le premiazioni di categoria e de La Sportiva Mountain Running Cup, che ha festeggiato il decimo compleanno con ospite d’onore il pluri recordman altoatesino Urban Zemmer. Successo nel circuito per Jean Baptiste Simukeka con 328 punti, davanti a Luigi Pomoni con 208 e a Christian Modena con 190. In campo femminile identico score per Denise Scherini ed Elisa Pallini con 268 punti, ma vittoria finale per la sondrina in virtù della più giovane età. Terza con 198 punti Monica Vagni.
Successo anche per la prima edizione della nuova versione light, la Latemar Trail Experience sulla distanza di 15 km e un dislivello positivo di 730 metri. In campo maschile è giunta un’affermazione straniera, grazie al francese Vincent Loustau, che ha impiegato 1h11’21” a concludere la prova, davanti al valtellinese Alex Rigo e al gardenese Luca Clara, mentre al femminile il successo ha arriso all’atesina Ingrid Demanega con il tempo di 1h38’41”, davanti alla trevigiana Laura Bello e alla fiemmese Alberta Pellegrini.
Classifiche

Copyright© 2017 vademecumdelfondista.it | all rights reserved .

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.