MoonlightMenuValcasiesMenuTrentinoMenu

log in

Emergenza coronavirus: non dimenticare di stare al sole

Vota questo articolo
(0 Voti)

Obbligati a casa in quarantena, c’è un elemento che inevitabilmente finisce per mancare alla nostra salute: il sole. Non tutti hanno infatti la fortuna di godere di un terrazzo o un balcone, e non uscire porta irrimediabilmente ad abbassare le nostre possibilità di assumere vitamina D. Cosa fare, dunque? La soluzione può essere mettersi alla finestra (aperta) anche per 15-20 minuti al giorno, con viso, braccia e mani scoperte per almeno 3 volte alla settimana. Ma il sole non assicura solo una scorta di vitamina D. Stare alla luce aiuta anche a combattere alcune malattie della pelle, come psoriasi a dermatite atopica, che in uno stato di stress come l’isolamento forzato possono aggravarsi. Inoltre il sole fa bene all’umore e al ritmo sonno-sveglia: i nostri ritmi biologici, infatti, dipendono dalla quantità di luce che colpisce la retina nell’arco della giornata.

Italian English Finnish French German Norwegian Russian Spanish Swedish

Log in or create an account

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.