MoonlightMenuValcasiesMenuTrentinoMenu

log in

TOUR DE SKI SULL’ALPE CERMIS, ORGANIZZATORI DETERMINATI PER GENNAIO

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sarebbe troppo facile annunciare ‘ci arrendiamo’, come in molti sono stati costretti a fare. In Val di Fiemme, a meno di ulteriori inasprimenti delle misure anti Covid, il Tour de Ski si svolgerà secondo il calendario prestabilito l’8, il 9 e il 10 gennaio con le tre ormai collaudate prove della mass start (10 e 15 km in tecnica classica), la sprint in classico e la tappa finale del Tour con la 10 km mass start in tecnica libera con l’Alpe Cermis protagonista, come sempre, per l’assegnazione del Trofeo di cristallo riservato ai vincitori del Tour de Ski ormai da 15 edizioni e da sempre anticipo della vittoria in Coppa del Mondo. Eh sì, l’appuntamento del 2021 festeggerà le “nozze di cristallo” tra l’evento clou della Coppa del Mondo di sci di fondo e la trentina Val di Fiemme. Non si è scritto che si effettuerà “regolarmente”. In periodo di pandemia, infatti, ci sono severi protocolli da rispettare per gli sport professionistici affinché questi si possano svolgere. La nota dolente è che la manifestazione dovrà svilupparsi a porte chiuse, nel senso che il pubblico non sarà ammesso a bordo pista o nello stadio del Fondo di Lago di Tesero. Non ci potrà essere, purtroppo, la lunga e colorata scia di spettatori lungo la Final Climb, arrivata nelle migliori edizioni a sfiorare la quota di 20.000 presenze. Per gli appassionati ci sarà la diretta televisiva, sia di RAI Sport che di Eurosport, immagini live che potranno essere seguite in tutto il mondo sulla miriade di emittenti internazionali che si collegheranno con la regia di Infront, che da sempre ne gestisce diritti e produzione. Immagini che arriveranno in diretta anche dall’elicottero in sorvolo lungo la ripida ascesa finale e dalla spettacolare fly-cam che spazierà sopra la testa degli atleti nello stadio di Lago di Tesero. Per gli appassionati questa è la news più importante, per gli organizzatori invece ci sarà tutta una serie di adempimenti da rispettare per la tutela della salute dei vari stakeholders e degli atleti. Le gare di per sé non cambiano rispetto al passato. Ovviamente tutto dipenderà anche dalla neve, quella programmata sarà prodotta in gran quantità non appena le temperature lo consentiranno, così da creare un sottofondo compatto e stabile, poi ci si attende la neve naturale, anche per regalare ai telespettatori di tutto il mondo le solite spettacolari immagini della Val di Fiemme e del Trentino. Pista da 2,5 km venerdì con sei giri al maschile e quattro al femminile, sabato pista sprint da 1,5 e 1,2 km, infine domenica un tratto all’interno dello Stadio di Lago di Tesero e poi il rimanente lungo la pista Marcialonga fino ai piedi del Cermis, quindi la ripida Final Climb. Dispiacerà a molti non poter tifare dal vivo gli atleti intenti a domare le rampe del Cermis, ma stavolta ci si potrà comunque divertire comodamente sul divano e al calduccio. Bruno Felicetti, presidente del comitato fiemmese, riassume un po’ lo stato d’animo degli addetti ai lavori: “Sicuramente quella del 2021 sarà un’edizione molto particolare a causa del Covid-19. Col nostro staff abbiamo esaminato a fondo la situazione, i nostri dirigenti sono a stretto contatto con le autorità amministrative e sportive di CONI, FISI e FIS per chiarire ogni nuovo aspetto. Non potevamo venir meno alla nostra mission di rimanere nel circuito di gare di Coppa del Mondo e di dare al mondo un’immagine, nonostante tutto, positiva del Trentino e della Val di Fiemme. Il mondo non si ferma qui, la promozione del territorio è importante soprattutto per il sostegno all’economia locale. Il Trentino e la Val di Fiemme sono simbolo di sport e relax, un messaggio che possiamo trasmettere nelle immagini che andranno in tutto il mondo. La diretta del Tour de Ski 2020 ha conteggiato 198 milioni di telespettatori, con la tappa finale del Cermis risultata la gara più vista della stagione della Coppa del Mondo di fondo. Questi sono valori che non si possono dimenticare. Sicuramente ci adopereremo affinché siano rispettate le norme, in particolare per tutto il nostro personale. Ci dispiace per l’assenza del pubblico, ma si è rivelata una condizione “sine qua non”. Per la Val di Fiemme, sito olimpico del 2026, è fondamentale dare anche un’immagine di professionalità e organizzazione ad alto livello anche in momenti delicati. Il mio grazie più sincero va ai nostri tanti volontari che ancora una volta si metteranno a disposizione. Anche questo è un apprezzato segno di grande unità al nostro interno”. Info: www.fiemmeworldcup.com       

Italian English Finnish French German Norwegian Russian Spanish Swedish

Log in or create an account

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.