log in

  

MoonlightMenuVal Casies 2023TrentinoMenu

 

Domenica, 11 Settembre 2022

LATEMAR MOUNTAIN RACE

Pronostici rispettati alla quarta Latemar Mountain Race, ultimo atto del circuito La Sportiva Mountain Running Cup, visto che a trionfare sul traguardo di Pampeago, dopo aver affrontato 25 km e un dislivello positivo di 1.680 metri, sono stati il ruandese, che vive a Siena, Jean Baptiste Simukeka e la trentina di Vigolo Vattaro Giulia Marchesoni.
Una quarta edizione spettacolare, anche grazie ad un meteo particolamente favorevole, con 250 atleti iscritti complessivamente alle due gare proposte dall’Unione sportiva Cornacci di Tesero. Soprattutto una sfida maschile decisamente combattuta, come mai nella storia di questo evento, chiusa con la gioia della prima vittoria di un atleta africano.
Dopo lo start ai 1.750 metri di quota di Pampeago si sono messi subito a fare l’andatura in quattro, i favoriti della vigilia che si sono marcati a vista, ovvero il premanese Mattia Gianola, i due fiemmesi Stefano Gardener e Daniele Felicetti e il ruandese Jean Baptiste Simukeka. Il quartetto è transitato unito alla Croce Cornon (2.180 metri), così come nel falsopiano in località Bassa. Compatti fino a tre quarti della salita, nell’ascesa in cresta Gianola ha provato ad allungare passando per primo ai 2.350 del Monte Agnello, con qualche secondo su Simukeka e una decina di secondi su Gardener e Felicetti. In discesa verso Passo Feudo il copione non cambia, mentre nell’ascesa in ambiente dolomitico verso il rifugio Torre di Pisa (2.671 metri) il predazzano ha perso contatto e nel punto più alto della gara il primo a transitare è stato Gianola, dopo 1 ora e 40 di gara, precedendo di 4 secondi Simukeka, quindi di 13 secondi Gardener, mentre Felicetti ha accusato un gap 2’43”. Il gradino più alto del podio si è dunque deciso nella discesa verso Pampeago, attraverso il labirinto del Latemar, la Forcella dei Camosci e nei pressi della stazione a valle della seggiovia Oberholz. Ma soprattutto nel tratto pianeggiante, dove il ruandese tesserato per il Gs Orecchiella Garfagnana è riuscito a far girare le gambe più velocemente rispetto a Gianola, staccandolo e andando a vincere con il tempo di 2 ore 20 minuti 13 secondi, migliorando il suo personale a questa gara di un minuto rispetto al 2020, quando giunse secondo dietro al recordman Daniel Antonioli. A soli 10 secondi è poi giunto Mattia Gianola del team Valtellina: il teserano della Cornacci ha concluso a 4’23”. Seguono in quarta posizione Daniele Felicetti a 6’18”, quindi il trentino di Vigolo Vattaro Andrea Debiasi, il premanese Luigi Pomoni, il gardenese Georg Piazza, il trevigiano Luigi Pomoni e il trentino Enrico Cozzini.
La gara femminile ha visto sempre in testa Giulia Marchesoni. La sondrina Denise Scherini le è rimasta agganciata fino al Monte Cornon, ma da quel punto in poi i distacchi sono via via aumentati. Al transito al rifugio Torre di Pisa il gap fra le prime due era di 1’7”, quindi a 4’9” la leader provvisoria del circuito Elisa Pallini. Posizioni che sono rimaste identiche fino al traguardo, dove la Marchesoni, tesserata con la stessa società di Simukeka, è giunta dopo 2 ore 58 minuti 4 secondi di gara. Argento, a 3’40” per la Scherini, che si è così laureata neo campionessa del circuito La Sportiva Mountain Running Cup, quindi ad oltre 9 minuti ecco la brianzola di Desio Elisa Pallini, quarta Anna Lena Hofer, davanti ad Elena Sassudelli e Monica Vagni.
Per quanto riguarda le vittorie di categoria Giulia Marchesoni ha vinto la categoria senior, Laura Bello la over 50, Jean Baptiste Simukeka la senior maschile, Stephan Tassani Prell nella over 50, Fabio Varesco nella over 60, Vannileo Michielazzo nella over 70.
Gran chiusura nel pomeriggio con le premiazioni di categoria e de La Sportiva Mountain Running Cup, che ha festeggiato il decimo compleanno con ospite d’onore il pluri recordman altoatesino Urban Zemmer. Successo nel circuito per Jean Baptiste Simukeka con 328 punti, davanti a Luigi Pomoni con 208 e a Christian Modena con 190. In campo femminile identico score per Denise Scherini ed Elisa Pallini con 268 punti, ma vittoria finale per la sondrina in virtù della più giovane età. Terza con 198 punti Monica Vagni.
Successo anche per la prima edizione della nuova versione light, la Latemar Trail Experience sulla distanza di 15 km e un dislivello positivo di 730 metri. In campo maschile è giunta un’affermazione straniera, grazie al francese Vincent Loustau, che ha impiegato 1h11’21” a concludere la prova, davanti al valtellinese Alex Rigo e al gardenese Luca Clara, mentre al femminile il successo ha arriso all’atesina Ingrid Demanega con il tempo di 1h38’41”, davanti alla trevigiana Laura Bello e alla fiemmese Alberta Pellegrini.
Classifiche

  • Pubblicato in Altro

OGGI IN VAL MARTELLO ULTIMA SFIDA TRICOLORE CON LA PROVA SHORT INDIVIDUAL

“Guten Morgen Martell”, lo speaker dei Campionati Italiani estivi di Biathlon ha aperto così questa mattina l’ultima giornata della rassegna tricolore in Alto Adige. Oggi in Val Martello è andata in scena la prova Short Individual per le categorie Senior, Junior, Giovani ed Aspiranti. Doppietta per la carabiniera Lisa Vittozzi e lo Junior Elia Zeni, entrambi vincitori della Sprint di ieri. Festeggia finalmente la leggenda del biathlon altoatesino Lukas Hofer, mentre tra le Junior si impone Gaia Brunetto (CS Esercito). Tra i giovani il titolo è andato a Nicola Giordano (FFGG) e ad Astrid Plosch (CS Esercito), successo infine per Andreas Braunhofer e Matilde Giordano tra gli Aspiranti.
Può andare in ferie in Grecia felice e soddisfatta la carabiniera sappadina Lisa Vittozzi. Dopo aver conquistato il titolo nella Sprint di ieri, oggi ha bissato il successo nella Short Individual, concludendo una gara praticamente perfetta. Ha tirato fuori una grinta pazzesca, spingendo al massimo verso l’arrivo dopo aver commesso un errore in ogni serie. Serie pulita, invece, per l’altoatesina Linda Zingerle, staccata di ben oltre 2’ nel fondo, segno dunque che la campionessa Vittozzi oggi ha praticamente volato. A completare il podio la carabiniera Eleonora Fauner, con un solo errore al terzo poligono. Assente oggi la ‘regina’ Dorothea Wierer, mentre ha raggiunto il gruppetto delle Senior Baiba Bendika, biathleta lettone campionessa europea Sprint che si sta allenando ora sul Passo dello Stelvio, giunta poi sesta oggi.
È iniziata male la gara per il trentino Tommaso Giacomel: appena partito succede il disastro e rompe un bastoncino, che viene recuperato subito dopo dall’allenatore a bordo pista. Non riesce a trovare il giusto feeling al poligono e il campione italiano Sprint di ieri è costretto ad inchinarsi davanti al velocissimo Lukas Hofer e all’altoatesino Patrick Braunhofer. Gli skiroll di Hofer viaggiavano forte oggi, anche se al tiro ha commesso qualche errore di troppo al primo e al quarto poligono (2 e 3 errori rispettivamente). Stessi errori di ieri su 4 serie al poligono per il carabiniere Braunhofer, staccato alla fine di 28”. Giornata no per Giacomel, ma è riuscito comunque a portarsi a casa il bronzo.
Nella gara Junior, sulla lunghezza di 15 km, Elia Zeni (FFGG) è quasi impeccabile al poligono, commettendo un solo errore. Podio ‘fotocopia’ di ieri, con Marco Barale e Thomas Daziano sul secondo e terzo gradino.
Gara femminile Junior dominata invece da Gaia Brunetto (CS Esercito), con solo due errori al poligono, la quale ha messo poi il turbo facendo il vuoto sulla compagna di squadra Sara Scattolo, staccata di 6” e con una prestazione poco brillante al poligono. Bronzo per la carabiniera Birgit Schoelzhorn.
Le FFGG si sono prese l’oro e l’argento rispettivamente con Nicola Giordano e Davide Compagnoni tra i Giovani, mentre ha completato il podio Alex Perissutti (SS Fornese). Oro per Astrid Plosch, unica atleta in gara a commettere un solo errore al poligono, seguita da Nora Obojes e dalla trentina Fabiana Carpella.
Programma inverso, rispetto alla competizione Sprint di ieri, ad inaugurare la pista di skiroll del Centro del Biathlon “Grogg” stamattina è stata la categoria Aspiranti. Ad aggiudicarsi il titolo italiano è stato l’altoatesino Andreas Braunhofer (Asv Ridnau), bravo ad imporsi sul conterraneo Julian Huber (Asv Antholzertal), vincitore ieri della Sprint. Tra le donne Matilde Giordano, nonostante i quattro errori al poligono nella prima serie, si è aggiudicata il titolo nazionale battendo Fabiola Miraglio Mellano e Diletta Broll.
Cala il sipario dunque in Val Martello, ma il Centro del Biathlon “Grogg” tornerà ad animarsi presto con l’appuntamento internazionale di IBU Junior Cup dall’8 all’11 dicembre.

Info: www.biathlon-martell.com  Download immagini TV: www.broadcaster.it 

Seniores-Maschile
1 Hofer Lukas Cs Carabinieri 42'31.5; 2 Braunhofer Patrick Cs Carabinieri 42'59.1; 3 Giacomel Tommaso Gs Fiamme Gialle 43'00.2; 4 Cappellari Daniele Gs Fiamme Oro 43'22.4; 5 Christille Cedric Gs Fiamme Gialle 43'53.8

Seniores-Femminile
1 Vittozzi Lisa Cs Carabinieri 36'42.4; 2 Zingerle Linda Gs Fiamme Gialle 37'18.0; 3 Fauner Eleonora Cs Carabinieri 38'02.3; 4 Passler Rebecca Cs Carabinieri 39'06.2; 5 Carrara Michela Cs Esercito 39'19.3

Juniores-Maschile
1 Zeni Elia Gs Fiamme Gialle 41'52.2; 2 Barale Marco Gs Fiamme Oro 42'04.8; 3 Daziano Thomas Gs Fiamme Oro 43'17.5; 4 Betemps Nicolo' Gs Fiamme Oro 44'03.7; 5 Piller Cottrer Fabio Cs Carabinieri 1 44'53.1

Juniores-Femminile
1 Brunetto Gaia Cs Esercito 40'48.5; 2 Scattolo Sara Cs Esercito 41'54.1; 3 Schoelzhorn Birgit Cs Carabinieri 43'38.2; 4 Trabucchi Martina Cs Esercito 44'22.1; 5 Brunello Gaia Ski Club Groeden 44'24.6

Giovani-Maschile
1 Giordano Nicola Gs Fiamme Gialle 30'52.5; 2 Compagnoni Davide Gs Fiamme Gialle 30'53.0; 3 Perissutti Alex Ss Fornese 31'28.7; 4 Cola Davide Alta Valtellina 32'05.7; 5 Bettega Samuele Us Primiero Asd 32'23.8

Giovani-Femminile
1 Plosch Astrid Cs Esercito 28'20.5; 2 Obojes Nora Asv Antholzertal 28'56.0; 3 Carpella Fabiana Gs Fiamme Oro 29'13.8; 4 Brocchiero Francesca Entraque Alpi M 29'20.3; 5 Zardini Sophia Asv Antholzertal 29'20.7

Aspiranti-Maschile
1 Braunhofer Andreas Asv Ridnaun 33'44.3; 2 Huber Julian Asv Antholzertal 34'09.9; 3 Pertile Antonio Sc Gallio 34'25.8; 4 Massimino Filippo Entraque Alpi M 34'33.8; 5 Deval Michel Amis De Verrayes 34'49.9

Aspiranti-Femminile
1 Giordano Matilde Entraque Alpi M 30'50.7; 2 Miraglio Mellano Fabiola Entraque Alpi M 30'59.6; 3 Broll Diletta Ski Club Groeden 31'01.6; 4 Quaranta Carola Entraque Alpi M 31'36.6; 5 Hutter Eva Asv Martell 31'55.5

  • Pubblicato in Altro
Sottoscrivi questo feed RSS
itenfifrdenoruessv

Log in or create an account

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.