log in

  

MoonlightMenuVal Casies 2022TrentinoMenu

 

Sabato, 08 Gennaio 2022

VAL DI FIEMME COMBINATA NORDICA DI CDM FEMMINILE: SIEFF È OTTAVA, GIANMOENA UNDICESIMA

Gyda Westvold Hansen, la predestinata. È la norvegese, 20 anni ad aprile, la prima ad iscrivere nell’albo d’oro della Val di Fiemme un nome femminile nella Combinata Nordica di Coppa del Mondo. Oggi pomeriggio nella frazione di fondo Gyda ha rischiato di compromettere tutto, è scivolata a terra, ma come un gatto dalle sette vite si è rialzata con un balzo, ha concluso seconda. Prima, nella 5 km di fondo, è la talentuosa giapponese Anju Nakamura, partita dietro alle norvegesi di punta in seconda fila, ma ha saputo recuperare il piccolo gap. Posizione di favore per Annika Sieff che è partita sulle code della leader di Coppa, la Westvold, ma dopo i primi attimi della mass start è la tedesca Haasch a scombinare le carte. A metà del primo giro la tedesca comanda il gruppo, dietro la slovena Volavsek, la Westvold è “solo” quarta, le azzurre oltre le prime dieci. Prima di concludere il giro la Nakamura saluta tutte, allunga e se ne va. Provano a contenere l’attacco, ma senza successo, la Haasch, la Westvold, l’austriaca Hirner. Veronica Gianmoena è 11.a, Annika Seff 14.a. La Nakamura conduce con fermezza, allunga, la Westvold vola e come detto si rialza, cade anche Veronica Gianmoena. Su traguardo la giapponese esulta, dietro la Westvold, poi la Hirner. Tre nomi da tenere in evidenza sul taccuino. Alla fine Sieff 14.a, Gianmoena visibilmente contrariata, e a ragione, è 15.a. Poi stasera lo stadio del salto Dal Ben di Predazzo si è illuminato a giorno. Bandiere, striscioni, lenzuola con le scritte per le due fiemmesi. Gli incoraggiamenti arrivano fin su allo start del trampolino. A metà gruppo scende Veronica Gianmoena, salta 89,5 m., passa in testa. Sa bene che le migliori sono ancora sulla postazione di partenza. Poi scende Annika Sieff, salta 97,5 m. e la sorpassa. Per un po’ Annika è sul trono di leader. Nel finale è il momento della Hirner, passa al comando, poi scende la Westvold, la “predestinata”, e vola come un folletto a 101 metri. È un boato, il suo salto è come quello dei migliori maschi di stamattina. Manca solo il furetto giapponese: Nakamura salta con grande disinvoltura, un salto di stile, ma non abbastanza lungo (91,5) da battere la reginetta norvegese. Il podio si compone con Westvold sul gradino più alto, subito sotto una sorridente Nakamura e poi la Hirner. Queste le parole della vincitrice: “Non ero del tutto convinta di poter ottenere questo risultato, è andata molto bene e sono davvero soddisfatta del mio lavoro. Mi sono allenata molto per questo, ma sicuramente c’è ancora da migliorare. La Norvegia è molto forte sia nel fondo che nel salto e qui in Val di Fiemme gli atleti della nazionale hanno vinto molto, credo ne siano soddisfatti, quindi volevo continuare con questa “tradizione”, e penso di esserci riuscita.” Le due azzurre sono in ogni caso soddisfatte, Sieff è ottava, Gianmoena 11.a. Stasera, lo hanno detto sottovoce, a letto presto certo, ma non senza le ormai classiche crepes con mascarpone e nutella! Per le ragazze l’avventura fiemmese è finita, domani ultima gara invece per i maschi, che replicano la Gundersen: salto a Predazzo alle ore 9.30, fondo a Lago di Tesero alle 11.45. Info: www.fiemmeworldcup.com Download immagini TV: www.broadcaster.it

Mass Start Women HS 106 / 5 km
1 WESTVOLD HANSEN Gyda NOR 124.6; 2 NAKAMURA Anju JPN 110.5; 3 HIRNER Lisa AUT 109.4; 4 KASAI Yuna JPN 106.4; 5 LEINAN LUND Mari NOR 105.5; 6 LEINAN LUND Marte NOR 102.7; 7 VOLAVSEK Ema SLO 98.5; 8 SIEFF Annika ITA 96.0; 9 HAGEN Ida Marie NOR 93.5; 10 BROCARD Lena FRA 92.2; 11 GIANMOENA Veronica ITA 87.6

PUSTERTALER, UNA GRANFONDO 4 STELLE

Nello stemma della Granfondo Pustertaler Ski-Marathon appaiono quattro stelle, a rappresentare i quattro comuni altoatesini di Sesto Pusteria, San Candido, Dobbiaco e Villabassa, località che i fondisti hanno attraversato di prima mattina in un paesaggio totalmente innevato, quasi da favola. A Sesto, con una temperatura quasi glaciale (-17°), sono partiti gli atleti ‘pro’ del circuito Visma Ski Classics e subito dopo gli amatori, al maschile e al femminile. A trionfare all’arrivo di Villabassa è lo svedese Max Novak sul connazionale Oskar Kardin e il norvegese Stian Hoelgaard. Al femminile dominio di nuovo svedese con l’ennesima vittoria della fuoriclasse Britta Johansson Norgren, davanti a Ida Dahl ed Astrid Oyre Slind. Alle 10 è toccato alla gara amatoriale sui percorsi di 30 km o 62 km. Sotto un cielo terso e le Dolomiti bianche che iniziavano a colorarsi al sorgere del sole, gli uomini ‘pro’ Visma si muovevano in gruppo compatto verso il punto panoramico Tre Cime, a San Candido a dettare il ritmo Nygaard, Persson, Berg e Johansson nelle prime fila. Alla Nordic Arena di Dobbiaco, luogo dove si sono svolte in passato importanti gare di fondo come il Tour de Ski, transitava per primo allo sprint Grebenko, seguito da Berg e Kardin. Dopo il passaggio all’arena gli atleti si preparavano ad affrontare il percorso verso Cortina, attraverso i paesaggi incantati del Lago di Dobbiaco e passando sopra il lago ghiacciato di Landro. È proprio nel tratto di ritorno, nel punto ‘Vista 3 Cime’, che Novak guadagnava posizioni portandosi nel gruppetto in testa composto da 15 atleti, tra cui Pedersen, Eklöf, Nygaard e Kardin. Gli ultimi 10 km che portavano alla zona d’arrivo a Villabassa, esattamente dove termina anche la famosa gara di mtb ‘Dolomiti Superbike’, venivano affrontati a tutta velocità in discesa sfiorando i 36km/h. Con un tempo di 2h37’11” chiudeva la gara Novak, per lui un urlo liberatorio all’arrivo, e con il naso gocciolante commentava: “È stato bello, ho avuto una giornata molto buona e non avrei mai pensato di essere in questa forma, quindi sono abbastanza sorpreso. Ho iniziato a sentirmi bene durante la gara e alla fine ho cominciato anche a crederci per la vittoria”. Kardin, secondo, conferma il ritmo davvero elevato nel tratto finale e domani vuole tentare di raggiungere il podio… più in alto possibile. Sul terzo gradino saliva Hoelgaard. Primo italiano della gara Visma il pusterese delle FFOO Dietmar Noeckler (33°) con i colori del Team Robinson Trentino, arrivato con il viso trasformato in una maschera di ghiaccio. Gara meno animata quella femminile, a guidare nelle prime posizioni erano sempre la vincitrice di oggi, Bitta Norgren Johansson, lda Dahl, Astrid Oyre Slind, Emilie Fleten e Lina Korsgren, le prime 5 al traguardo nell’ordine. Johansson sorrideva all’arrivo: “Oggi è stata una buona giornata, mi sono sentita forte fino al traguardo. Ho dovuto risparmiare qualche energia per questo weekend, allenandomi un po’ meno. Gareggerò anche domani e poi il prossimo weekend alla Venosta”. Dopo le gare Ski Classics andavano in scena le gare open. Sul tracciato più corto di 30 km si presentava per primo al traguardo di Villabassa, e non poteva essere altrimenti, il russo Sergey Ustjugov, non uno a caso (7 medaglie mondiali e svariati piazzamenti in Coppa del Mondo): “La gara è stata molto bella, mi è piaciuta molto, le sensazioni erano molto buone ed è davvero un’ottima preparazione per le Olimpiadi. Ci sarò anche alla gara di domani”. Alle spalle dello zar russo Ustjugov, il Team Robinson Trentino fa piazza pulita e porta a casa un secondo, un terzo e un quarto posto rispettivamente con Andrea Bompart, Matthias Schwingshackl e Patrick Burger. Nella gara femminile di 30 km successo per la campionessa statunitense Tara Geraghty Moats, vincitrice nella CdM di combinata nordica nel 2021: “È la mia prima gara in double poling, quindi non avevo assolutamente idea di come sarebbe andata e come mi si sarei trovata. L’atmosfera e il luogo sono stupendi ed io sono felicissima di essere qui con il mio team, dopo tante gare annullate e le difficoltà dei mesi scorsi”. La gara amatoriale di 62 km vedeva un altro successo del Team Robinson con il limenese Stefano Dal Magro su Gabriel Koehl e Stefano Zanotto, mentre al femminile si imponeva la tedesca Franziska Müller davanti alle italiane Asia Patini e Marta Gentile. Ottima organizzazione del comitato OK Sport Dobbiaco, con Gerti Taschler a ricevere i complimenti, a nome dei suo volontari, di questa prima giornata di gara; domani si replica: da Villabassa col ‘Prato Piazza Mountain Challenge’ di 32 km in tecnica classica (uomini e donne elite) Ski Classics e con l’‘Adrenalin Track’ open di 42 km in tecnica libera. Info: www.ski-marathon.com Download immagini TV: www.broadcaster.it  

Visma – Pustertaler Ski-Marathon 62 km - Men
1. Novak Max Team Ramudden 2:37.11,4; 2. Kardin Oskar Team Ragde Charge 2:37.11,5; 3. Hoelgaard Stian Team Curira 2:37.11,7; 4. Stadaas Kasper Team Ragde Charge 2:37.12,3; 5. Nygaard Andreas Team Ragde Charge 2:37.12,4; 6. Pedersen Morten Eide Team Eksjöhus 2:37.12,8; 7. Hoel Johan Team Ragde Charge 2:37.13,3; 8. Gjerdalen Tord Asle Team Xpnd Fuel 2:37.14,6; 9. Johansson Marcus Lager 157 Ski Team 2:37.15,0; 10. Grebenko Aleksandr Russian Winter Team 2:37.15,2

Visma – Pustertaler Ski-Marathon 62 km - Women
1. Johansson Norgren Britta Lager 157 Ski Team 2:57.39,4; 2. Dahl Ida Team Ramudden 2:57.46,1; 3. Øyre Slind Astrid Team Koteng Eidissen 2:57.52,5; 4. Fleten Emilie Team XPND Fuel 3:00.31,5; 5. Korsgren Lina Team Ramudden 3:02.55,7; 6. Settlin Evelina Team Engcon 3:05.57,7; 7. Elebro Sofie Team Næringsbanken 3:05.58,1; 8. Kveli Laila Team Engcon 3:06.18,1; 9. Gjerde Alnes Anikken Team Ragde Charge 3:06.19,9; 10. Palmberg Ida Team Ramudden 3:06.20,3

Classifica maschile amatori - 62 km
1. Dal Magro Stefano Team Robinson Trentino 2:57.53,4; 2. Koehl Gabriel Team Internorm Trentino 2:58.22,9; 3. Zanotto Stefano Team Internorm Trent.. 3:02.15,2; 4. Mezzacasa Iacopo Robinson Ski Team 3:03.15,5; 5. Bochkarev Alexander Start 3:03.16,0

Classifica femminile amatori – 62 km
1. Müller Franziska Skiclub Immenstadt 3:25.40,4; 2. Patini Asia Team Robinson Trentino 3:48.07,2; 3. Gentile Marta Team Robinson Trentino 3:57.21,4; 4. Tröger Nicole Skiclub Großberg 4:03.04,8; 5. Perenzoni Elisa Robinson Ski Team ASD 4:16.43,0

Classifica maschile amatori – 30 km
1. Ustiugov Sergey I 1:23.26,6; 2. Bompart Andrea Team Robinson Trentino 1:23.30,0; 3. Schwingshackl Matthias Team Robinson Trentino 1:23.59,5; 4. Burger Patrick Team Robinson Trentino 1:28.13,8; 5. Seebacher Hartwig Kästle Racing Team 1:30.05,1

Classifica femminile amatori – 30 km
1. Geraghty Moats Tara Adidas-XCS-Team 1:44.26,3; 2. Piller Caterina Team Robinson Trentino 1:47.24,0; 3. Schwingshackl Thea Team Futura 1:50.58,0; 4. Noehmeier Hanna Team Zipps 2:04.04,4; 5. Durighello Anna Enal Sport Villaga 2:12.28,8

LAMPARTER VINCE COMBINATA D’ÈLITE IN VAL DI FIEMME

Johannes Lamparter, poco più che ventenne, ha davvero fatto il “grande” oggi nella seconda giornata di Coppa del Mondo di Combinata Nordica in Val di Fiemme. Nella gara mattutina e gelida un primo avvertimento dell’austriaco, con un salto ineguagliato (105.5 m.) e con alle spalle Eric Frenzel (GER), partito due pettorali prima e già convinto del successo parziale in mano. Poi nel pomeriggio, nella 10 km di fondo a Lago di Tesero, Lamparter ha dato una severa lezione a tutti. È lui il vincitore di giornata e si porta a casa 100 preziosi punti di “Coppa”. Trampolino scintillante stamattina a Predazzo, neve ottima e ghiacciata al punto giusto ed anche un discreto pubblico, considerando la temperatura abbondantemente sotto lo zero ma con un bel cielo azzurro. Tra i primi a partire Alessandro Pittin e Raffaele Buzzi. Il friulano delle FFGG, fiemmese di adozione, non riesce a trovare la carburazione giusta, lo riconosce anche lui, ma non demorde. 46° posto il suo nel salto, che lo condiziona a partire, nel fondo, a 2’57”. Fa meglio Raffaele Buzzi (Carabinieri), 30° a 1’37”. Man mano che scendono i più forti la classifica è in continua evoluzione. Lamparter, come detto, mette tutti in fila, Frenzel gli è alle spalle e paga 14” nella trasposizione punti-secondi. Il norvegese Oftebro è poco distante, a 18”, e mette in fila Seidl e Geiger, tutti nomi ‘storici’ della combinata. Al sesto posto c’è l’americano Loomis che sorprende e rimane al comando per un bel po’. Pomeriggio a Lago di Tesero con una giornata splendida, neve perfetta e temperatura attorno allo zero. La temperatura si scalda quando scatta Lamparter. Non si accontenta di amministrare, ma incrementa. In mezzo giro si mette in tasca altri 2” mentre dietro i due tedeschi Frenzel e Geiger per un po’ faticano a tenere buono Oftebro, e Seidl ovviamente da buon compagno di squadra bada bene a non alzare il ritmo. Al secondo dei quattro giri Frenzel è sempre a 16” in compagnia di Geiger e Oftebro, Seidl fa fatica ma è lì. Buzzi non è nel gruppetto buono, non ha il trenino giusto, transita 29° a 1.45”, Pittin in un giro guadagna tre posizioni, è 43°. Terzo giro e Lamparter sembra in difficoltà, invece rifiata, sa bene che dietro i due ‘panzer’ tedeschi aggrediscono con rabbia la neve, all’inter-giro il distacco scende a 11”. Ma Lamparter gioca a gatto e topo. Stavolta il ‘topo’ ha la meglio, rimette il turbo e dietro Geiger e Frenzel non demordono. L’austriaco arriva e lancia un urlo liberatorio, poi manda un bacio a mamma e papà che sono a bordo pista. Geiger e Frenzel sprintano per il secondo posto, ha la meglio Geiger e paga 16”5. Frenzel è lì, Graabak (NOR) e Rydzek (GER) hanno le energie per riprendere Seidl e se lo mettono alle spalle. Raffaele Buzzi chiude 27°, Pittin 36°. Poi tocca alla mass start donne, loro concluderanno stasera la loro gara col salto a Predazzo. C’è la sorpresa della giapponese Nakamura che saluta le norvegesi Westvold, nonostante una caduta nella discesa ‘Zorzi’, Hagen e Leinan. Al terzo posto parziale si incunea però l’austriaca Hirner. Cade anche Veronica Gianmoena che finisce 15.a dietro ad Annika Sieff. Stasera l’epilogo a Predazzo. Info: www.fiemmeworldcup.com  Download immagini TV: www.broadcaster.it

Individual Gundersen Men HS 106 / 10 Km
1 LAMPARTER Johannes AUT 25:49.8; 2 GEIGER Vinzenz GER +16.5; 3 FRENZEL Eric GER +16.7; 4 GRAABAK Joergen NOR +30.2; 5 RYDZEK Johannes GER +30.7; 6 SEIDL Mario AUT +30.7; 7 WATABE Akito JPN +36.4; 8 OFTEBRO Jens Luraas NOR +42.5; 9 FRITZ Martin AUT +44.2; 10 RIESSLE Fabian GER 54.3
27 BUZZI Raffaele +2:01.7; 36 PITTIN Alessandro +3:07.1

Sottoscrivi questo feed RSS
itenfifrdenoruessv

Log in or create an account

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser.